Portogruaro: una piccola Venezia

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Come il nome stesso evoca, la storia della città di Portogruaro è indissolubilmente legata al fiume sulle cui sponde – attorno al 1140 – vennero costruite le prime abitazioni: il Lemene.

La città si sviluppò grazie ai traffici fluviali e nel 1420 venne annessa alla Repubblica di Venezia, sotto la cui giurisdizione rimase per più di tre secoli.

L’influenza della Serenissima è evidente nello stile architettonico dei palazzi gotico-rinascimentali che popolano il centro, con la barchessa sul lato del fiume per consentire l’attracco delle imbarcazioni mercantili, il cortile interno e il classico androne al piano terra.

Anche Ippolito Nievo cita Portogruaro nelle sue famose Confessioni di un italiano, descrivendola così: “Le case, grandi spaziose, col triplice finestrone nel mezzo, s’allineavano ai due lati delle contrade, in maniera che soltanto l’acqua mancava per completare la somiglianza con Venezia”.

Portogruaro, dunque, è sempre stata città d’arte e di cultura e ancora oggi offre al visitatore che non la conosce una quantità di scorci e dettagli di grande fascino. 

Le opere degne di nota sono il Pozzetto del Pilacorte con le 2 gru che nel tempo sono diventate simbolo della città, il palazzo municipale con l’inconfondibile merlatura ghibellina, il Duomo con il campanile pendente

E, ancora, l’oratorio della pescheria e i due antichi mulini costruiti in epoca medievale e oggi trasformati in sede per eventi ed esposizioni d’arte.

 

Credits: foto di Elisa Silvia Rambelli

Esplora il territorio